Giurato Daniela Tresconi

Daniela Tresconi nasce a La Spezia (Liguria) nel 1965. Vive ad Arcola dove lavora come dipendente di un Ente pubblico, occupandosi di comunicazione, staff e cultura. E’ iscritta all’Ordine dei Giornalisti e collabora con il Secolo XIX per la redazione spezzina.
Scrive per il Magazine lucchese L’Ordinario per il quale cura una rubrica settimanale dal titolo «Storie della porta accanto» e numerosi altri servizi.
Collabora con il blog letterario Il bosco dei sogni fantastici, curando letture e recensioni.
Collabora con Puzzle Animazione per la produzione di un programma contenitore in diretta settimanale su Facebook
Fa parte dell’Associazione culturale viareggina Nati per scrivere, che organizza fiere letterarie, corsi di scrittura, eventi e concorsi letterari, tra questi il principale Lucca Città di Carta.
Ha scritto vari racconti, come La farfalla dorata inserito nell’antologia Tutta colpa dello zodiaco (NpsEdizioni 2018),

Lo spartito del diavolo inserito in Jukebox Racconti a tempo di musica (NpsEdizioni 2017)

e Lettera al mare inserito in Pensieri di Mamma (Panesi edizioni 2017).


A dicembre 2018 è uscito il suo libro per bambini dal titolo Il piccolo faro e il delfino Blu (NpsEdizioni)


Il suo romanzo d’esordio è il mistery storico La linea del destino (Panesi Edizioni 2017),


Trama:
Arcola è un tipico borgo arroccato che si affaccia sulla Vallata del Magra. Il suo Castello e la sua Torre Pentagonale da millenni osservano silenziosi le vicende delle genti che lo abitano. Valentina arriva in paese alla ricerca della tranquillità, ma ben presto tutte le sue scientifiche certezze verranno scosse da inquietanti e quanto mai misteriose sensazioni. Tre donne, tre epoche e tre mondi completamente diversi, eppure legati da un unico indissolubile destino e dal mistero di un atroce delitto. Quanto tempo per scoprire che non si può sfuggire a se stessi e che la fine spesso è solo un altro inizio?

Il romanzo è risultato vincitore di:
• Premio assoluto della Giuria per la narrativa edita nel concorso letterario internazionale “Le Grazie Portovenere La Baia dell’arte” anno 2017,
• menzione d’onore per la narrativa edita nel concorso internazionale di letteratura “Antico Borgo 2017”.
• Quarto premio narrativa edita nel Concorso internazionale Città di Sarzana 2018.


• Terzo premio assoluto nel concorso letterario internazionale Il Canto di Dafne città di Aulla (Ms) 2019

Ad aprile 2019 è uscito il nuovo romanzo dal titolo «Il sigillo delle Cento Chiavi» Panesi Edizioni


• Il romanzo è stato presentato in anteprima al Salone del Libro di Torino e alla Fiera del Libro di Imperia
• Ha ottenuto la menzione d’onore nel concorso letterario internazionale “Le Grazie Portovenere La Baia dell’arte” anno 2019
• Candidato a Libro LaAV dell’anno 2019 unico libro di Casa editrice indipendente insieme ad altri 10 di grandi major dell’editoria
Trama:
Golfo della Spezia – Liguria – fine del 1500
Due frati e il giovane novizio Sebastiano abbandonano la cappella di San Bartolomeo delle cento chiavi alla marina dopo averla data alle fiamme. Conducono con loro due preziose teche: una verrà custodita nelle viscere della collina mentre l’altra verrà portata a Francoforte in Germania dal giovane Sebastiano e dall’intraprendente Camillea. Il segreto su un misterioso quadro e sul contenuto delle due teche sarà protetto nei secoli dagli appartenenti alla Confraternita delle cento chiavi.
Francoforte – Germania – oggi
Il giovane Sebastien eredita da nonna Sibille uno scrigno che contiene uno sconvolgente segreto. Il ragazzo intraprenderà un viaggio in Italia, nel piccolo borgo di Pitelli in Liguria, alla ricerca del suo passato e di quello di un’intera comunità, trovando invece il suo futuro e l’amore di una giovane donna. Sceglieranno di continuare a proteggere il segreto?
Un viaggio lungo oltre quattrocento anni, dalla Liguria fino a Francoforte in Germania, un viaggio di fede, mistero e magia.

Note dell’autrice:
Sono trascorsi due anni dalla pubblicazione del mio romanzo d’esordio e malgrado La linea del destino rimanga per me il primo grande amore, sono veramente emozionata nel presentarvi questo mio nuovo lavoro.
Ancora una volta ho giocato con la storia, partendo da luoghi veri e reali, scovando personaggi realmente esistiti e documenti sepolti in polverosi archivi. A questi ho aggiunto la mia fantasia.
Il piccolo Borgo di Pitelli in Liguria esiste realmente, ancora oggi non esiste una versione ufficiale sul perché gli abitanti di San Bartolomeo alla marina abbiano lasciato l’ospitale e la cappella sul Golfo e si siano trasferiti al monte. Nessuno ha ancora dato una definitiva spiegazione al termine Cento Chiavi. Gli studi stanno proseguendo.
La grotta c’è davvero, gli anziani raccontano la leggenda di un tunnel misterioso che collegherebbe la Tana Do Loo con l’oratorio che si trova nel paese ma ancora non è stato scoperto.
Il bellissimo quadro, tassello fondamentale del romanzo, dopo il restauro finanziato dalla pro loco, dalla parrocchia di San Bartolomeo e dalla Fondazione Carispezia, è tornato a far bella mostra di sé nella chiesa del paese. Attualmente è stato richiesto dal Museo Diocesano per una mostra dedicata. E’ tutt’ora oggetto di studi a seguito di quello che hanno rivelato le radiografie cui è stato sottoposto.
Lo scoppio del Forte di Falconara nel 1922 è stata una delle vicende più terribili del Golfo della Spezia.
La famiglia Visdomini era una delle più potenti famiglie di Arcola, nel paese restano ancora visibili il Palazzo, detto Il Palà e lo splendido giardino.

Contatti:
Mail: tresconi65@gmail.com
Pagina Facebook: Romanzi & Racconti di Daniela Tresconi
Instagram #danielatresconi
Twitter @danielatresconi